Rifiuti ed incendi. Prevenire i danni è possibile !

Ieri sera è divampato un incendio nell’azienda Fg Riciclaggi di Cairo Montenotte (Savona), sono stati coinvolti alcuni capannoni che contenevano legname, plastica e pneumatici col conseguente inquinamento e grave rischio per la salute tanto che oggi sono state chiuse le scuole in quattro Comuni.

Pochi giorni fa a Corteleona e Genzone (Pavia) l’incendio -per ipotizzato dolo- di un capannone che conteneva materie plastiche ed altro materiale non meglio definito ha causato la stessa emergenza con analoghi rischi.

Da tempo sosteniamo che certe attività potenzialmente pericolose per la salute e per l’ambiente devono essere localizzate in strutture sicure, facilmente controllabili e che in caso di incidente consentano di confinare i rischi in modo rapido ed efficace.Ai tempi di Sansa sindaco di Genova (1993-1997) era stata prospettata la sistemazione dell’inceneritore dei rifiuti nella centrale ENEL situata in Porto, nei pressi della Lanterna. Per ovviare a quella sciagurata ipotesi avevamo proposto, con il supporto tecnico dell’Arch. Fernando De Simone, la costruzione di quell’impianto in una caverna da realizzare nelle colline retrostanti la Città.

Se analoga soluzione fosse stata attuata per le strutture coinvolte in questi giorni quei disastri non sarebbero avvenuti non solo perché le emissioni sarebbero state confinate in caverna ma anche l’indispensabile presenza di ossigeno che alimenta le fiamme sarebbe stata velocemente impedita.

Inoltre, se sarà dimostrato il dolo per il caso di Corteleona-Genzone, è evidente che un deposito situato in caverna, con accessi facilmente controllabili e presidiabili, avrebbe impedito il crimine.

In sostanza l’adozione della soluzione che avevamo proposto allora, e che continuiamo a sostenere per tutti i casi adatti, comporta certamente un maggior costo iniziale ma alla luce dei recentissimi eventi fa ben intendere quali sarebbero i risparmi ottenuti evitando tutti gli impegnativi interventi di spegnimento e di bonifica.
E per i costi sociali (salute ed intralci alle attività a quotidiane) sarebbe molto interessante conoscere il parere di chi abita in quelle località.

Vale la pena di spendere qualche soldo in più oggi per poter risparmiarne molti di più domani.


Vi pare una cosa banale ?

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0
termini e condizioni.
  • Nessun commento trovato
-----------------------------

Quota annuale Iscrizione
SOCIO ARGe

©2018 Associazione Repubblica di GENOVA | privacy policy | realizzazione ilpigiamadelgatto