Squola itagliana

… e anche “ggiustizzzia”.

La condizione in cui viene mantenuto un appartamento dà l’idea di come funzioni la famiglia che vi abita.

In modo analogo il funzionamento della scuola e del sistema giudiziario danno l’idea dello stato della società, cioè dei suoi abitanti e dell’etica che li accomuna.

La notizia è recente ma i fatti risalgono a tre anni fa : una “maestra” che scrive “squola”.

Episodio eclatante che suscita alcune considerazioni.

Non è dato sapere l’età di quell’individuo né quando fosse stato assunto ma dall’anno accademico 2011-12 è necessario conseguire la Laurea in Scienza dell’educazione primaria il cui corso dura 5 anni.

Se in 5 anni non è emersa tanta crassa ignoranza significa che quel corso non funziona adeguatamente. E se si volesse sostenere, con molta fantasia, che le parole “squola” e “sciaquone” non debbano necessariamente attraversare il percorso formativo di un laureando il problema viene solo anticipato alle medie superiori, altrimenti a quelle inferiori o alle elementari.

Conclusione : il corso complessivo della formazione non ha funzionato.

Andiamo avanti.

Per arrivare ad occupare il posto di insegnate è stata assunta con una sanatoria oppure ha dovuto sostenere qualche concorso?

Conclusione : in un modo o nell’altro il sistema di verifica/selezione non ha funzionato.

In questa vicenda ha modo di rifulgere anche il sistema giudiziario per la rapidità che lo caratterizza.

Se “Il caso è venuto a galla tre anni fa, …” ed il Ministero dell’Istruzione “L’aveva messa alla porta, dopo la scoperta dei suoi ripetuti strafalcioni “ succede che solo “Ora [il licenziamento] l’ha confermato il giudice del lavoro di Venezia ..”.

Ma quanto tempo ci vuole per stabilire che “squola” e “sciaquone” (più gli altri errori) impongono un indiscutibile licenziamento? Il ricorso presentato da quella “maestra” avrebbe dovuto costituire un’aggravante immediata tale da condannarla alla restituzione di quanto indebitamente percepito per manifesta incapacità; inoltre per l’insipienza e la prosopopea dimostrata presentando il ricorso si meriterebbe un periodo di lavoro in miniera lungo quanto è durata la sua attività nella scuola.

In questo sito abbiamo già scritto di come intendiamo debba funzionare la Scuola nella nostra Terra e l’episodio accaduto rafforza il senso di forte disagio verso la nostra permeanza nel condominio peninsulare (… a proposito di appartamento).

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0
termini e condizioni.
  • Nessun commento trovato
-----------------------------

Quota annuale Iscrizione
SOCIO ARGe

©2018 Associazione Repubblica di GENOVA | privacy policy | realizzazione ilpigiamadelgatto